Traduzione

Il presente blog è scritto in Italiano, lingua base. Chi desiderasse tradurre in un altra lingua, può avvalersi della opportunità della funzione di "Traduzione", che è riporta nella pagina in fondo al presente blog.

This blog is written in Italian, a language base. Those who wish to translate into another language, may use the opportunity of the function of "Translation", which is reported in the pages.

L'UNUCI per l'Umbria

Il Volume "La Divisione "Perugia" Dalla Tragedia all'Oblio" è disponibile in tutte le librerie. ISBN 886134305-8, Roma, 2010, Euro 20,00 pag. 329.



Ordini: ordini@nuovacultura.it, http://www.nuovacultura.it/ Collana storia in laboratorio; per ordini diretti risorgimento23@libero.it; per info:ricerca23@libero.it; per entrare in contatto con gli autori: massimo.coltrinari@libero.it



Ricordare i nostri Caduti

Ricordare i nostri Caduti
Per acquistare il volume, cliccare sulla foto per il sito della Casa Editrice e seguire il percorso: Pubblica con noi-Collame scientifiche/ Collana Storia in laboratorio/ vai alla schede/ pag.1 e pag. 2

Cerca nel blog

mercoledì 28 giugno 2017

La NATO a 29 Membri

Ventinovesimo Stato
Nato: Montenegro, segnale positivo per Balcani
Valbona Zeneli
27/06/2017
 più piccolopiù grande
Il Montenegro è diventato il 29̊ Stato membro dell’Alleanza atlantica. Negli ultimi anni, questa è l'unica storia di successo proveniente dai Balcani. Come tale, acquisisce un significato maggiore delle ridotte dimensioni del piccolo Paese dell’Europea meridionale di soli 620.000 abitanti.

Il contributo militare apportato alla Nato, con forze armate di appena 2.000 unità, potrebbe essere limitato. Con una spesa per la difesa di circa 55 milioni di euro all’anno, il nuovo membro pagherà all’Alleanza una quota annuale minima: 450.000 dollari, solo lo 0.27% del bilancio totale della Nato.

Dimensioni militari e politiche
Bisogna però ricordare che la Nato non è solo un'alleanza militare, ma ha anche un’importante dimensione politica. Il Montenegro, grazie alla sua posizionesull’Adriatico, è considerato un alleato strategico. D'altra parte, il Montenegro s’è già rivelato un partner affidabile per la Nato, essendo stato molto attivo con il suo sostegno in Afghanistan.

L'adesione del Montenegro è la prima espansione atlantica negli ultimi otto anni, dopo l'allargamento del 2009 con l'Albania e la Croazia. Essa manda alcuni segnali molto significativi.

L'adesione all'Alleanza, avvenuta il 5 giugno 2017, è un riconoscimento formale del progresso del Montenegro, che negli ultimi anni ha soddisfatto una serie di criteri e raggiunto gli standard richiesti dalla Nato. Tuttavia, l'adesione all'Alleanza non dovrebbe segnare un punto d’arrivo, ma al contrario essere un ulteriore incentivo ad accelerare il processo di trasformazione del Paese per quanto riguarda la lotta contro la corruzione, il progresso economico e lo stato di diritto.

Un obiettivo dall’indipendenza
È positivo che il Montenegro abbia raggiunto con successo uno dei principali obiettivi della sua politica estera dalla sua indipendenza nel 2006. L'adesione alla Nato è una garanzia di stabilità e sicurezza per il Paese. Questo è particolarmente importante per un Paese con risorse limitate, che può trarre vantaggi dalla cooperazione all’interno della Nato, sfruttando la condivisione di risorse, competenze e informazioni. D'altra parte è stato dimostrato che, anche se la Nato non è un'alleanza economica, essa è capace di fungere da catalizzatore dello sviluppo economico e fornisce un senso di sicurezza e di prevedibilità agli investitori, in particolare a quelli stranieri.

Peculiarità di un’adesione
L'adesione del Montenegro alla Nato presenta alcune peculiarità. A differenza di quanto avvenuto per gli altri nuovi Membri, il processo di integrazione non è andato in porto senza contestazioni. Anche se il sostegno all’Alleanza dell’opinione pubblica nazionale è aumentato significativamente negli ultimi anni, raggiungendo un tasso di approvazione del 48%.

Tuttavia, i cittadini rimangono ancora divisi sulla questione. Alcuni politici dei partiti d’opposizione - dominati dai serbi e apertamente pro-Russia - sono stati addirittura accusati di un tentativo di colpo di stato, fallito, per impedire al Montenegro di aderire alla Nato. Infatti, l’opposizione ha boicottato il Parlamento dalle ultime elezioni e ha chiesto un referendum popolare sulla questione.

L’ostilità della Russia all’operazione
Il Cremlino si è opposto apertamente all'adesione del Montenegro, definendola una "provocazione" contro la Russia, che sta riprendendo un gioco geo-politico nei Balcani occidentali. In realtà, l'adesione del Montenegro non dovrebbe essere vista come una provocazione alla Russia, o come un atto destinato a peggiorare le relazioni con un Paese con cui ha stretti legami storici, religiosi, culturali ed economici.

Infatti, la Russia è un partner economico molto importante, che rappresenta il 30% degli investimenti stranieri. Anche se la decisione di aderire alla Nato arriva in un momento di tensioni elevate nelle relazioni tra l’Alleanza e la Russia, in realtà è il risultato di un processo avviato da tempo. Ed è un passo naturale per una Paese che ha scelto di essere integrato nelle strutture euro-atlantiche.

Le ripercussioni sui Balcani
Questa decisione ha una notevole ripercussione sull’intera regione dei Balcani occidentali e lancia un chiaro messaggio ai Paesi che si sono già messi in coda per entrare nell’Alleanza. Ancora una volta, dalla creazione nel 1949, è stato attuato con successo uno dei principali pilastri della Nato: la "politica delle porte aperte” integrata nell'articolo 10 del Trattato di Washington.

È un segnale importante per mantenere i Balcani occidentali nel loro percorso euro-atlantico, anche se, purtroppo, gli ultimi anni quei Paesi sono stati attraversati da dubbi, sfide e sconfitte. Questo è un segnale forte per i paesi che vogliono avanzare nel processo di integrazione sia con la Nato che con l'Ue.

L'adesione della Macedonia è stata mantenuta bloccata per un lungo tempo a causa della controversia con la Grecia sul nome del Paese ex-jugoslavo. Oggi la situazione è ancora più complicata a causa dei turbamenti politici degli ultimi anni, con potenziali ripercussioni anche sui rapporti etnici all’interno del Paese, che hanno provocato un grave rallentamento nel processo delle riforme democratiche.

La Bosnia-Herzegovina, è un altro Paese aspirante, anche se è tuttora impegnata nella gestione delle sue questioni interne irrisolte.Sta infatti aspettando il piano d'azione per l'adesione, salvo la risoluzione della questione sulle proprietà immobiliari della difesa, un processo bloccato dalla Repubblica Srpska.

La Nato e la trasformazione dell’Europa dell’Est
L'allargamento della Nato è stato uno dei pilastri più importanti della trasformazione nell'Europa dell’Est. Oggigiorno, la stabilità e la democrazia nei Balcani occidentali non possono più essere date per scontate. La pace è la stabilità sono ancora fragili, soprattutto a causa del mancato progresso democratico ed economico nei Paesi della regione.

La Russia si sta impegnando nei Balcani occidentali, sfruttando le vulnerabilità istituzionali, la corruzione pubblica, la divisione politica e lo scetticismo della popolazione su un futuro migliore. Il Cremlino sta utilizzando degli strumenti ibridi, come l’influenza economica e mediatica, per sfruttare stereotipi regionali, tensioni etniche e questioni non risolte relative ai conflitti degli Anni '90. L'obiettivo principale è quello di indebolire le relazioni dei Balcani occidentali con l'Occidente, ostacolando il processo di allargamento euro-atlantico, mirando alla creazione di una "zona non-allineata".

La Nato è il fondamento dell'unità transatlantica. L'Alleanza è considerata dal 61% degli europei e dal 58% degli americani l'organizzazione essenziale per la difesa e la sicurezza su entrambi i lati dell'Atlantico. Altri Paesi stanno aspirando a diventare membri di questa “famiglia”. La verità è che le realtà del "mondo dell'articolo 5", dopo i conflitti del 2014 in Ucraina, stanno portando grandi cambiamenti al processo di allargamento. Forse, dopo l’adesione del Montenegro, vedremo un'altra lunga pausa nel processo di allargamento.

Valbona Zeneli è professore di National security studies e direttore di Black Sea Eurasia Program presso il George C. Marshall European Center for Security Studies. Le opinioni espresse sono personali dell’autore e non rappresentano le opinioni del Department of Defense, the George C. Marshall European Center for Security Studies, o dei governi degli Stati Uniti o della Germania.

martedì 23 maggio 2017

Difesa Europea ed Italia

Ue in marcia. E l’Italia?
Difesa europea: un’accelerazione con Macron
Alessandro Marrone
18/05/2017
 più piccolopiù grande
La presidenza di Emmanuel Macron porterà probabilmente ad un’accelerazione della cooperazione europea nella difesa, dove si registra un ruolo maggiore della Commissione di Bruxelles, anche grazie a un rafforzamento dell’asse franco-tedesco.

Sempre più convergenza tra Francia e Germania
Macron è probabilmente il presidente francese più favorevole all’idea di un’Europa della difesa nella storia dell’Ue. Combinando questo elemento con il venire meno causa Brexit del freno britannico e con un ruolo sempre maggiore della Germania nella sicurezza del Vecchio Continente - chiunque vinca le elezioni politiche tedesche il prossimo settembre - si ha un quadro politico (e geopolitico) inedito per l’Unione. Un quadro positivo che potrebbe dare slancio e concretezza a progetti di cooperazione e integrazione da tempo discussi nelle istituzioni europee e nelle capitali.

Francia e Germania hanno certamente visioni in parte diverse sulla difesa europea. Tuttavia negli ultimi anni è aumentata la convergenza tra i due Paesi; e probabilmente aumenterà ancora di più con un presidente francese che già in campagna elettorale aveva affermato la necessità di cooperare con Berlino.

Se la Commissione finanzia la ricerca nella difesa
Inoltre, i Paesi Ue si muovono in un quadro che vede sempre più attive le istituzioni dell’Unione, anche grazie all’attuazione della EU Global Strategy. La Commissione europea sta procedendo alla messa in pratica del piano di azione (European Defence Action Plan – Edap) che segna un passo importante nella politica industriale e di innovazione tecnologica dell’Ue.

Infatti, per la prima volta nella storia dell’Unione, viene finanziata direttamente la ricerca nel campo della difesa, con lo stanziamento di 90 milioni di euro nel 2017-2019 per la Preparatory Action on Defence related Research (Padr) e la previsione di 500 milioni di euro l’anno per il prossimo esercizio finanziario 2021-2027.

La Commissione si era già costruita un ruolo importante del mercato della difesa europeo sul piano regolatorio con le direttive del 2009 sui trasferimenti intra-comunitari ed il procurement militare. Ruolo guardato con una certa insofferenza da alcuni stakeholder, in quanto visto come un pungolo ad adottare logiche di concorrenza ed efficienza in un settore precedentemente escluso dalle regole del mercato unico.

Ma la Commissione non pretendeva di decidere quale sistema d’arma finanziare, produrre o acquistare: definiva piuttosto regole generali, rispondenti ad un interesse comune europeo, e quindi più accettabili anche se, a volte, in contrasto con alcuni Stati membri. Inoltre, per ora, la Commissione ha dimostrato un’ampia tolleranza sul terreno del l’‘enforcement’, anche se ha annunciato un prossimo cambio di passo.

Tra governi nazionali e interessi europei
Ora il discorso si fa più delicato e complicato per il ruolo della Commissione, e soprattutto per il rapporto con i governi nazionali da un lato e con gli interessi comuni europei dall’altro. Nella Padr, e più ancora nel prossimo bilancio Ue, vi saranno finanziamenti significativi da allocare a fronte di domande verosimilmente maggiori, per quantità e volume, da parte degli attori nazionali, e occorrerà scegliere cosa e chi finanziare - e a chi negare invece i fondi stanziati dal bilancio dell’Unione.

Ciò accade già in molti altri campi che godono di fondi Ue, incluso quello della sicurezza dove da più di dieci anni la Commissione finanzia progetti di ricerca e innovazione tecnologica sulla protezione delle infrastrutture critiche piuttosto che sulla risposta ad attacchi chimici o biologici, il contrasto al crimine organizzato o al terrorismo e più di recente la sicurezza cibernetica e la protezione dei confini dell’Unione. C’è quindi una vasta esperienza cui attingere, in termini di normativa, organizzazione o buone prassi.

Tuttavia, il campo della difesa presenta una propria specificità e sensitività politica che dovrà essere presa in considerazione, in quanto si tratta di finanziare lo sviluppo di tecnologie che serviranno alle forze armate dei Paesi europei nelle loro operazioni militari.

L’asse franco-tedesco, Bruxelles e Roma
Qui il piano istituzionale e tecnico incrocia di nuovo quello politico e geopolitico. Il lavoro della Commissione sull’attuazione dell’Edap, per quanto segua sue logiche di lungo periodo, tecnocratiche e sovranazionali, sarebbe inevitabilmente influenzato da una maggiore convergenza franco-tedesca nel campo della difesa.

Se i due Paesi Ue che, dopo l’uscita della Gran Bretagna, rappresenteranno una quota ampiamente maggioritaria sia delle capacità militari che di quelle industriali e tecnologiche andranno verso determinate direzioni e scelte, è molto probabile che queste ultime diventino il punto di riferimento anche per il ruolo delle istituzioni Ue in questo settore.

È in questo nuovo quadro che l’Italia deve aggiornare e approfondire l’aspetto europeo della sua politica di difesa, inclusa la dimensione industriale e tecnologica - tema peraltro al centro del convegno IAI in programma a Torino il prossimo 19 maggio.

Una probabile convergenza in chiave europeista tra Berlino, Parigi e Bruxelles presenta nuove opportunità per Roma di inserirsi con proposte funzionali ai propri interessi nazionali oltre che a quelli europei. Ma presenta anche il rischio per l’Italia di restare solo spettatrice delle rapide scelte altrui, se non sarà in grado di influenzare tempestivamente scelte comuni.

Guardando laicamente al fatto che anche il leader straniero più europeista non avrà mai come sua priorità quella di aiutare l’Italia, e che le istituzioni Ue faranno quello che potranno per l’Unione nel suo insieme, resta sempre valido il vecchio detto “aiutati che Dio t’aiuta”.

Alessandro Marrone, Responsabile di Ricerca Programma Sicurezza e Difesa; Twitter @Alessandro__Ma.

martedì 9 maggio 2017

1866. Quattro Battaglie per il Veneto.

Lissa

Bezzecca

Sedowa
Custoza

Conferenza: Giovedi 11 maggio 2017 ore 17.

Sede UNUCI

 Spoleto

CONFERENZA DI

 MASSIMO COLTRINARI

su

"1866. QUATTRO BATTAGLIE PER IL VENETO"

La Terza Guerra di Indipendenza



Volontai Garibaldini


Cavalleria Italiana



Le Guide e gli Ussari di Piacenza

1866 Quatro Battaglie per il Veneto. Il Piano di Garibaldi


Di seguito lo schema grafico del piano di Giuseppe Garibaldi del 1866
Aveva come base l'idea di inviare 3000 volontari nell'area di Trieste. Dopo sbarcati operare nelle montagne restrostanti a ridosso delle vie di comunicazione cercando di prendere contatto con i Patrioti ungheresi contrari all'Austria. Tutto si basava sulla rete delle Logge Massoniche opportunamente allertate.
 Un piano diversivo prevedeva lo sbarco di oltre 10000 uomini in Dalmazia che avrebbero dovuto procedere verso nord e cercare di collegarsi con le forze sbarcate a Trieste
 Il piano, sostenuto dalla Prussia che lo giudicava ottimo,  non fu accettato dallo Stato Maggiore Italiano, per tema che Giuseppe Garibaldi, già popolarissimo per via della Spedizione di Mille acquisisse ulteriore popolarità nei confronti delle forze monarchico-liberali su cui si poggiva il Governo Lamarmora.



Per impiegare in qualche modo Giuseppe Garibaldi ed i suoi volontari
gli fu assegnato il fronte ad occidente del lago di Garda. Un fronte assolutamente inutile e strategicamente insignificante, a conferma della emarginazione che nel 1866 Garibaldi e tutto il movimento progressista mazziniano subiva.


Il risultato di queste scelte fu che i volontari garibaldi operarono senza poter 
influire sulle operazioni principali
 con il risultato di non incidere positivamente sull'esito della guerra 

1866 Quattro Battaglie per il Veneto

Si riporta la Prefazione di Giancarlo Ramaccia al Volume
di Massimo Coltrinari
"Quattro battaglie per il Veneto"
 di prossima edizione  


Prefazione

Il 20 giugno 1866 fu consegnata all’arciduca Alberto d’Asburgo, comandante supremo delle forze austriache dislocate in Italia, la dichiarazione di guerra del Regno d’Italia, che fissava al giorno 23 del medesimo mese l’inizio delle ostilità. Come al solito entrammo in guerra con tre giorni di ritardo dalla dichiarazione e sei giorni dall’inizio delle ostilità rispetto a quanto precedentemente pattuito con il nostro alleato prussiano. Tale ritardo non poteva che irritare notevolmente e aumentare la diffidenza dei vertici politico-militari di Berlino, che già di loro dubitavano delle buone intenzioni dei vertici del giovane Regno d’Italia.
In ogni caso la dichiarazione di guerra, presentata all’impero austro-ungarico, fu accolta nel paese con grandi manifestazioni di consenso, accese grandi aspettative nella popolazione e produsse una straordinaria eccitazione patriottica, come ben documenta, nel suo diario, Sidney Sonnino, allora giovane ed entusiasta patriota toscano: “Gran giorno per l’Italia! Per la prima volta in tutta la sua storia essa si solleva tutta a rivendicare sola il suo diritto! Mai, mai si è visto un fatto simile. Felici noi che vi assistiamo![1].  Per il Sonnino, come per molti se non per tutti, la nuova guerra sarebbe stata breve e vittoriosa. In nessun caso si valutarono le conseguenze di una possibile sconfitta. Dopo le non brillanti vicende militari degli anni precedenti, come la guerra del 1848/49, il buon senso  avrebbe dovuto suggerire una valutazione “più cauta” da parte dei vertici politico-militari italiani. Invece, l’essere sconfitti risultava impensabile e inaccettabile da tutti gli appartenenti al nostro ceto dirigente, anche perché le conseguenze politiche erano troppo spaventose da sostenere per il giovane e debole Stato unitario. Poi gli Austriaci non combattevano su due fronti? Il nuovo esercito italiano contava ora ben venti divisioni e non più le cinque piccole divisioni del Regno di Sardegna della guerra precedente. La nostra flotta era il doppio di quella austriaca e con un numero  maggiore di corazzate, dodici contro le sette austriache, quindi sulla carta e solo sulla carta il Regno d’Italia aveva tutti i numeri e il diritto di aspettarsi una vittoria. Anche per questo motivo ciò che avvenne nelle settimane successive fu traumatico e profondamente doloroso per tutto il Paese.
Per comprendere al meglio la situazione si deve ampliare il quadro alle vicende politiche degli anni precedenti e agli enormi problemi che il giovane Stato dovette affrontare. Ben cinque furono le questioni principali e tutte intrecciate tra loro, ossia: il brigantaggio in larga parte del Paese; la crisi economica; la morte del Conte di Cavour; la questione romana e la conseguente crisi dei rapporti con la Francia, in particolar modo con l’imperatore Napoleone III; la costruzione del nuovo Esercito unitario. Tralasciamo le questioni minori ma che minori, per il giovane nascente Stato unitario, non furono.
Il 15 febbraio 1861 il Re delle Due Sicilie Francesco II di Borbone, proclama la resa della fortezza di Gaeta dove si era rifugiato dopo le sconfitte subite ad opera dell’armata garibaldina e il successivo intervento sabaudo, imbarcandosi, dopo una lunga trattativa diplomatica, su una nave francese che lo porterà a Roma dove rimarrà in esilio, ospite di Papa Pio IX. Solo dopo il gen. Cialdini potrà occupare la cittadina laziale che ha assediato e bombardato per ben 102 giorni. Successivamente anche le guarnigioni borboniche della cittadella di Messina e quella di Civitella del Tronto (A.P.) si arrenderanno definitivamente, ma nuclei rimasti fedeli a Francesco II continueranno a combattere unendosi a bande di contadini poveri e briganti, dando vita a una lunga guerriglia a cui si darà il nome di “brigantaggio”.
Questa insorgenza sociale era frutto di povertà endemica, di patti agrari esosissimi, di nuovi inasprimenti fiscali, di una nuova ed errata leva obbligatoria che provocò una disperata guerriglia dei contadini contro i proprietari terrieri e il nuovo governo “piemontese” che fu abilmente sfruttata politicamente da chi desiderava restaurare il Regno delle Due Sicilie. La rivolta armata scoppiò nell’aprile del 1861 in Basilicata e si estese a quasi tutto il meridione continentale.
Il nascente Regno d’Italia provò inizialmente a mediare politicamente con i legittimisti borbonici, nel tentativo di contenere il fenomeno, poi diede seguito ad una feroce e indiscriminata repressione. Migliaia di insorti, alzando le bandiere bianche borboniche, occuparono province e paesi, trucidando cittadini comuni, guardie nazionali e scontrandosi con i soldati italiani. La risposta fu durissima da parte dello Stato unitario: fucilazioni indiscriminate e senza alcun processo, interi paesi bombardati e incendiati, deportazioni di massa; tutto ciò accrebbe l’ostilità della popolazione meridionale nei confronti del nuovo Regno, di “quello dei piemontesi”. Se i soldati impiegati nel meridione furono non più di 50.000 nel 1861, solo tre anni dopo se ne impiegarono 120.000, ossia circa il 50% delle forze armate dello Stato. Esse svolsero prevalentemente compiti di ordine pubblico e di polizia, tralasciando l’addestramento e la preparazione militare, per dedicarsi, a tempo pieno, a combattere e reprimere questa vera e propria guerra civile. I dati ufficiali ci dicono che tra il 1861 e il 1865 (un anno prima dell’inizio della terza guerra di indipendenza) furono uccisi in combattimento o fucilati 5.212 “cosiddetti briganti” e altri 5.000  furono arrestati e carcerati, ma i dati ufficiosi parlano e raccontano un’altra verità, ossia di ben 15.000 o 20.000 uomini eliminati. Ciò produsse una lacerazione nel tessuto politico e sociale di cui a tutt’oggi ne riscontriamo le conseguenze. A questo gravissimo problema si aggiunse, per il nuovo Stato – che si era costituito a Torino il 18 marzo 1861 con la proclamazione da parte del primo parlamento italiano del Regno d’Italia – una serie di gravissimi problemi finanziari.
Essi erano il frutto dei costi per l’unificazione nazionale che comprendevano le spese sostenute per le guerre di unificazione con l’aggiunta del consolidamento dei debiti ereditati dai periodi precedenti e dovuti ai sette Stati pre unitari e alle ben nove amministrazioni finanziarie che avevano sistemi monetari diversi, diversi modi di contabilizzare oltre a diversi criteri di imposizione fiscale e di riscossione delle imposte. Sommando tutti questi costi risultò, per il nuovo Stato, un debito pubblico esorbitante, ossia 111.500.000 lire. A questa enormità si dovette far fronte con soluzioni che risultarono non risolutive ed efficaci, anzi aggravarono ulteriormente la già difficile situazione economica.
Allo scoppio della guerra dell’ottantasei questo problema parve addirittura insormontabile, con le entrate effettive dello Stato che coprivano appena i due terzi delle uscite e con una sicura prospettiva di incremento, dovuta alle nuove spese che si dovevano sostenere per la nuova guerra. All’enorme disavanzo si provvedeva con l’emissione di nuovi titoli di debito a copertura dei prestiti esteri, proprio nel momento in cui una crisi economica gravissima si abbatteva sui mercati borsistici europei (Borsa di Londra e Parigi) dovuta in gran parte agli enormi prestiti americani per la guerra di secessione e al pagamento delle grandi quantità di cotone importate dall’India, tra il 1861 e il 1865, per il fermo di produzione del mercato americano. Inoltre il clima di conflitto che si respirava in tutte le cancellerie d’Europa creava la giusta miscela per la caduta delle quotazioni dei titoli nelle principali Borse europee.
Il 6 giugno 1861 il nuovo Regno d’Italia perse il suo principale artefice, dopo una brevissima malattia, muore a Torino, improvvisamente, il presidente del Consiglio dei Ministri Camillo Benso conte di Cavour. Egli era lo stratega, il politico più grande che il nostro Stato unitario abbia mai avuto, perché pur lasciando alla sua morte fedeli sostenitori del progetto di unificazione del Paese, non lasciò un vero e proprio erede, nessuno dei suoi seguaci era in grado di elaborare una strategia per il completamento dell’unione territoriale e costruire un nuovo Stato alla base di una comunità ampliata e solidale. Si dà inizio ai governi “brevi” (ben sei ministeri si succedettero dal 1861 al 1866), a governi che “navigano a vista” con politiche miopi e di breve durata, incapaci di elaborare e perseguire una strategia di lungo periodo.
Cavour, invece, nei mesi precedenti alla malattia, aveva cercato di definire nei confronti della questione romana una netta posizione governativa. In due discorsi alla Camera, sostenne che solo Roma poteva ricoprire il ruolo di capitale d’Italia e che era necessario procedere alla sua liberazione per unire e cementare le diverse popolazioni italiche, ma che ciò doveva avvenire con “l’accordo” della Francia e senza mai intaccare la libertà spirituale e l’indipendenza del sommo pontefice. In cambio della cessione del potere temporale, al pontefice verrebbe corrisposta una cospicua rendita annua. Era questo il modo di recuperare i rapporti diplomatici con la Francia e in particolar modo quelli con l’imperatore Napoleone III, dopo le tensioni dovute all’assedio di Gaeta.
In linea con questa impostazione, il suo successore al governo Bettino Ricasoli redige un progetto di conciliazione che invia rispettivamente alla Cancelleria francese e a quella dello Stato pontificio; ma tale progetto ottiene un netto rifiuto francese ad aprire una qualsiasi trattativa su quella base.
Nel 1862 a seguito di una delle tante riconciliazioni tra Garibaldi e Mazzini e con l’appoggio dell’associazione emancipatrice italiana si progetta una spedizione di volontari a Roma e subito alcuni ufficiali garibaldini cominciano a raccogliere i volontari. Nel mese di giugno Giuseppe Garibaldi si reca come privato cittadino in Sicilia ed è accolto da grandi manifestazioni popolari e affermando la necessità di una spedizione armata per liberare Roma pone la condizione di trovare un accordo con il re Vittorio Emanuele II. A Marsala promuove il giuramento “o  Roma o morte” e subito l’associazione emancipatrice italiana fa sua la parola d’ordine e aderisce al giuramento. Alcune settimane dopo, trasferitosi a Palermo, Garibaldi organizza la legione romana e annuncia di muovere contro lo Stato pontificio al grido di “Italia e Vittorio Emanuele, o Roma o morte”. Una grave crisi si profila all’orizzonte con la Francia, ostile e pronta all’intervento in difesa dello Stato pontificio. Al governo italiano non resta che decretare (20 agosto) lo stato d’assedio nelle province napoletane e inviare truppe regolari dell’esercito, al comando del colonnello Pallavicini di Priola, per bloccare la spedizione. Durante un breve conflitto sull’Aspromonte, nient’altro che una scaramuccia, Garibaldi, che era al comando di 1.300 volontari, viene ferito al piede e si arrende, venendo posto agli arresti. Al diffondersi della notizia, che provoca una grande emozione non solo in Italia e violente manifestazioni antigovernative, il Rattazzi cerca senza riuscirci di forzare i tempi di una soluzione diplomatica e infine il 20 novembre 1862 si rassegna e presenta le sue dimissioni dal ministero. I rapporti con la Francia diventano di nuovo gelidi. Segue un lungo lavorio diplomatico per ricostruire i rapporti che permetteranno di stipulare un trattato di libero scambio (17 gennaio 1863) tra i due paesi e nell’anno successivo di gettare le basi di un accordo sulla questione romana. Gioacchino Pepoli, inviato dal nuovo governo presieduto da Marco Minghetti, avanza l’idea di trasferire la capitale d’Italia da Torino ad un’altra città, come segnale dell’abbandono del progetto di fare Roma capitale d’Italia e in cambio chiede alla Francia di procedere al ritiro graduale delle sue truppe di stanza nello Stato pontificio. L’accordo verrà raggiunto ed a Parigi, nell’agosto del medesimo anno, si procederà alla firma “della convenzione di settembre” (15 settembre 1864), che prevedeva il ritiro delle truppe francesi da Roma nell’arco dei successivi due anni, per dare il tempo al governo papale di costituire un suo esercito. In cambio il Regno d’Italia si impegna a rispettare l’integrità dello Stato pontificio. E’ questo un incredibile gioco delle parti, dove tutto è ambiguo, infatti i francesi interpretano l’accordo come una rinuncia definitiva da parte italiana del progetto di Roma capitale, mentre per noi Italiani è null’altro che il primo passo verso la soluzione delle controversie con la Francia e un avvicinamento a Roma. Solo Pio IX esprime delusione e manifesta nuove paure.
Sul versante internazionale ferve la controversia tra la Prussia e l’Austria sulla sorte dei ducati dell’Holstein, dello Schleswig e del Lauenburg di proprietà personale del re di Danimarca e che le due potenze hanno occupato. Entra nel vivo il conflitto, per molti anni latente tra la Prussia e l’Austria, per il primato e l’egemonia sulla Confederazione degli Stati tedeschi.
Otto von Bismarck, presidente del Consiglio prussiano, che già nel 1862 aveva sondato il ministro italiano a Berlino, Da Launay sulla possibilità di una alleanza italo-prussiana, incarica il suo ministro a Firenze Conte Usedom di sondare il capo del governo Alfonso Ferrero La Marmora in relazione a quale atteggiamento avrebbe assunto il suo governo nel caso di una probabile guerra tra la Prussia e l’Austria. La Marmora risponde che non può prendere nessun impegno senza prima conoscere quale atteggiamento sarebbe stato a sua volta preso dalla Francia in merito a tale questione. Per questo motivo incarica il ministro italiano a Parigi, Costantino Nigra, di sondare sulla questione il ministro degli Esteri francese Drouyn de Lhuys, il quale suggerì “prudenza e di attendere gli eventi”. Bismarck, insoddisfatto della risposta italiana e soprattutto dell’atteggiamento ambiguo dell’Imperatore francese Napoleone III decise, provvisoriamente, di stipulare la Convenzione di Gestein con l’Austria, conservando quindi per la Prussia l’amministrazione del ducato dello Schleswig e lasciando all’Austria il ducato dell’Holstein. Successivamente all’incontro di Biarritz, tra Napoleone III e Bismarck, dei primi di ottobre del 1865, Bismarck rassicurato riprese la politica che mirava ad arrivare alla guerra e ad unificare la nazione tedesca con lì esclusione dell’Austria. Probabilmente in questo incontro Napoleone III sperò di ottenere un ingrandimento territoriale della Francia sul Reno e sul Belgio, promettendo di mantenere la neutralità nel conflitto tra Prussia e Austria, mentre Bismarck chiese a sua volta l’intervento dell’Italia nel prossimo conflitto, che mirava a conquistare il Veneto (già promesso da Napoleone III) dal 1859 e poter attaccare su due fronti l’Austria, come era stato progettato nel Consiglio della corona prussiana del 29 maggio 1865. A questo accordo verbale fece seguito da parte di La Marmora  un tentativo di trattativa diretta con l’Austria per ottenere la cessione del Veneto, contando molto sulla minaccia di una  guerra sui due fronti per ammorbidire l’intransigenza austriaca. Nell’ottobre del 1865 incaricò un suo rappresentante personale, il conte reggiano, Alessandro Malaguzzi – Valeri, che aveva autorevoli amici e parenti a Vienna, di intraprendere una trattativa segreta con il conte Belcredi, presidente del Consiglio austriaco, per la cessione del Veneto a fronte di una indennità versata dall’Italia di un miliardo di lire. Pur riscontrando da parte del governo austriaco un interesse favorevole alla proposta, la dura opposizione dell’imperatore Francesco Giuseppe e della sua corte fece fallire la trattativa. Non restava altro che seguire i consigli francesi che invitavano ad orientarsi verso la politica antiaustriaca di Bismarck.
Il 31 dicembre 1865, Alfonso Ferrero La Marmora costituisce il suo secondo ministero, dopo una lunga e difficile crisi di governo nata dalla sfiducia votata dal Parlamento in relazione al decreto legge relativo al servizio di tesoreria statale da affidarsi alla Banca Nazionale. Provvedimento economico che avrebbe aggravato ulteriormente la crisi di debito del Regno d’Italia. Oltre alla presidenza del Consiglio mantenne per sé il ministero degli Esteri e chiamò al ministero della Guerra il generale Ignazio di Pettinengo e ai Lavori pubblici Stefano Jacini che fu il suo più ascoltato consigliere nella fase preparatoria della guerra.
Nel frattempo i rapporti austro-prussiani si fecero sempre più tesi e aumentarono le probabilità della guerra. A seguito della decisione presa dal Consiglio dei Ministri prussiano del 28 febbraio 1866, Bismarck chiesa a La Marmora di inviare a Berlino un alto ufficiale per trattare un’alleanza militare. La Marmora scelse di inviare il generale Govone con l’incarico di verificare la preparazione militare prussiana, che nell’occupazione dei ducati non aveva particolarmente brillato per preparazione militare e di restare sul vago sulle questioni diplomatiche. Anche perché il suo invio era stato sollecitato al governo italiano da parte di Napoleone III che mirava ad una alleanza tra Italia e Prussia. Napoleone III in questa complicata partita, dalla quale sperava di acquisire per la Francia ingrandimenti territoriali, con il consenso della Confederazione germanica usava l’Italia come una pedina da muovere a suo piacimento sullo scacchiere politico continentale. Egli voleva che l’Italia ottenesse il Veneto ma senza una guerra o con una guerra non seriamente combattuta in modo tale che il merito fosse suo e della Francia; in questo modo mirava ad esercitare sul giovane Regno d’Italia un semi protettorato. Per lui l’Italia unita doveva diventare una potenza di rango inferiore, strettamente legata agli interessi politico economici francesi. L’8 aprile 1866 a Berlino, l’Italia firma un trattato segreto di alleanza con la Prussia, un trattato a “tempo determinato” valido per soli 3 mesi a partire dalla data della firma apposta per noi dal generale Govone e dal ministro a Berlino conte Barral. Era questa una alleanza “offensiva-difensiva” in cui l’Italia si impegnava a dichiarare guerra all’Austria appena la Prussia avesse iniziato le ostilità; ognuno dei due Stati si impegnò a non concludere armistizio o pace senza il consenso dell’altra, fino a quando l’Austria non avesse accettato di cedere il Veneto e la provincia di Mantova all’Italia e alla Prussia territori equivalenti per popolazione.
Il trattato era squilibrato e a favore della Prussia, non veniva menzionato il Trentino, per un netto rifiuto di Bismark che lo considerava parte integrante dell’Impero Austro-ungarico, anche se verbalmente e in privato, garantiva che avrebbe appoggiato tale richiesta una volta giunti al tavolo della pace e solo se durante la guerra l’Italia fosse riuscita ad impadronirsi del territorio. Il trattato era alquanto umiliante per l’Italia per la sua unilateralità, infatti la Prussia non assumeva nessun impegno nei confronti dell’Italia. Inoltre un madornale errore di valutazione di La Marmora complicò la situazione, egli rifiutò la proposta avanzata dal generale Govone di allegare al trattato una convenzione militare, che avrebbe permesso di conoscere in precedenza i piani prussiani e quindi di coordinare i propri impegni sulla effettiva condotta della guerra. Ciò generò ulteriore diffidenza da parte prussiana sulla reale volontà italiana di condurre la guerra con impegno ed energia. Era impensabile per i nostri governanti una politica diversa perché troppo esposti politicamente e finanziariamente con l’ambigua politica di Bonaparte.
Il 3 maggio 1866 il governo prussiano iniziò la mobilitazione e a seguito di ciò il 5 maggio il governo austriaco fece sapere a Parigi di essere disposto a cedere il Veneto a Napoleone III, affinchè tramite lui fosse ceduto all’Italia a patto che l’Italia rompesse l’alleanza con la Prussia e si dichiarasse neutrale. La Marmora, colto di sorpresa dall’offerta austriaca, rifiutò cercando al tempo stesso di guadagnare tempo e proponendo un congresso internazionale con le principali potenze del Continente per definire la controversia tra Italia-Prussia-Austria. Questa proposta sfumò definitivamente alcune settimane dopo quando una nota austriaca (1 giugno) dichiarò di essere pronta a partecipare al congresso a patto che fossero esclusi dalle risoluzioni finali modifiche e ingrandimenti territoriali. Il 12 giugno avveniva la rottura definitiva delle relazioni diplomatiche tra Berlino e Vienna e nello stesso giorno, sempre a Vienna, veniva firmato un accordo tra l’Austria e la Francia, in base alla quale la Francia si impegnava a rimanere neutrale nel conflitto che opponeva l’Austria alla Prussia; Napoleone III si impegnava a sua volta a fare il possibile perché l’Italia restasse neutrale o conducesse la “guerra senza impegno” e l’Austria a sua volta si impegnava a cedere il Veneto a Napoleone III al quale garantiva ulteriori compensi territoriali nel caso di vittoria da parte sua e con modificazioni territoriali in Germania. Infine Napoleone III si impegnava a sua volta a cedere il Veneto all’Italia in cambio di una indennità all’Austria e del riconoscimento da parte italiana del potere temporale dei papi. Il giorno stesso della firma, Napoleone III convocò il ministro italiano a Parigi, Costantino Nigra, e nel colloquio che seguì informò ufficialmente di quanto sottoscritto a Vienna e chiese a Nigra che “l’Italia non facesse guerra con troppo vigore”.
Otto giorni prima della dichiarazione di guerra all’Austria, per noi la guerra era già vinta . A questo punto il 17 giugno (giorno della dichiarazione di guerra della Prussia all’Austria) Alfonso Ferrero La Marmora si dimette da presidente del consiglio restando in ogni caso ministro senza portafoglio e assume il comando dello Stato maggiore raggiungendo il Re al fronte. Al suo posto di Presidente del Consiglio subentra Bettino Ricasoli che ad interim assume anche il ministero degli esteri e quello dell’interno.
Inizia la terza guerra d’indipendenza e dà vita alle sue battaglie che l’autore del testo, l’amico Massimo Coltrinari, ricostruisce con perizia e nel dettaglio, con la perizia e la precisione propria dello storico militare e del militare di carriera, più precisamente dell’ufficiale in servizio di stato maggiore fedele ai principi e alla filosofia di chi ideò e progettò tale servizio; ossia uno dei massimi protagonisti di questa guerra il generale Helmuth Karl Bernhard von Molke capo di stato maggiore dell’esercito prussiano nella guerra dell’86.
Ogni guerra ha caratteristiche sue proprie e differisce dalle precedenti, questa ha caratteri suoi peculiari; è la prima del giovane Regno d’Italia; la forza italiana è quadruplicata in confronto a quella del Regno di Sardegna, 20 divisioni contro 5; la Cavalleria, anche se pesante, muove 100 squadroni e solo l’artiglieria è poco numerosa, anche se di maggior calibro il che la rende meno mobile. La deficienza maggiore, per il nostro esercito riguardava il “quadro ufficiali” fortemente eterogeneo (ciò era dovuto all’assorbimento nell’esercito sardo dei quadri di diversa provenienza: borbonica, toscana, dello Stato Pontificio e dell’armata garibaldina) e di diversa preparazione e capacità militare. In modo particolare mancavano comandanti capaci a livello di battaglione e di reggimento. I comandanti di brigata erano personalmente coraggiosi, ma la loro cultura professionale era a dir poco scarsa. Per non parlare della totale assenza di uno Stato Maggiore e di vertici politico militari in concorrenza e in contrasto tra di loro. Ai nostri 258.000 combattenti effettivi (250.000 del Regio esercito più 38.000 volontari garibaldini) su 565.000 uomini mobilitati con 462 cannoni si opponevano 61.000 combattenti austriaci su 190.000 mobilitati e 152 cannoni, con un rapporto a nostro favore di tre a uno, eppure non riuscimmo a vincere sul campo. Non avevamo un piano, dividemmo le nostre forze tra il Mincio (12 divisioni) e il Po (8 divisioni), dividemmo il comando tra La Marmora e il Cialdini ed infine il primo giorno di scontro ci demmo per vinti con ben 15 divisioni integre che non avevano preso parte neanche ad una scaramuccia e con 320.000 uomini di riserva. Alla “figuraccia” del nostro esercito i vertici politico militari cercarono di rimediare sul fronte del mare, dove la nostra flotta, potente “sulla carta e non sul mare”, regalò al Paese un’altra umiliante sconfitta.
 Arrivati a questo punto non ci restò, il 3 settembre 1866, che firmare la pace che conservava l’umiliante clausola della cessione del Veneto all’Italia attraverso la consegna da parte della Francia di Napoleone III. L’imperatore d’Austria Francesco Giuseppe riconobbe il Regno d’Italia, riconsegnò la “corona ferrea” che gli Austriaci al termine della guerra del 1859 avevano portato a Vienna e noi ci accollammo altri 91 milioni di debito pubblico del Veneto.
Questa nostra prima guerra in Italia fu un’ impresa assolutamente deludente e generò durissime polemiche in tutto il Paese negli anni successivi. I nostri vertici politico – militari a cominciare da Alfonso Ferrero La Marmora e dal Cialdini furono impari al loro compito, non seppero impostare e condurre con efficienza la guerra anche perché il governo italiano preparò diplomaticamente la guerra con la speranza di non farla e con la certezza di aver ottenuto il proprio premio ancora prima di iniziarla.
La brutta figura e la rabbia popolare crescente nel paese imposero di trovare un colpevole e quindi, il 1 dicembre 1866, fu arrestato l’ammiraglio Persano per essere giudicato dal Senato, costituito in Alta Corte di giustizia, sulle sue responsabilità nella battaglia di Lissa, ma molti altri avrebbero dovuto comparire con lui come chiaramente afferma Carlo Cattaneo in una sua lettera inviata il 9 ottobre 1866 al senatore Giuseppe Muzio:  “Ormai, nella memoria della nazione e delle nazioni – e nella coscienza del soldato – Custoza e Lissa sono parte d’un reato solo. Nessuno ha ormai forza di sciogliere quel nodo. Il Senato è giudice unico e supremo dei colpevoli: può, se vuole, assolver tutti, ma deve giudicare tutti. Anzi, se v’è reato, il suo punto culminante è già Custoza. Lissa è il tardo e inutile strascico d’una guerra morta. Se potè avere un proposito doloso, è solo in quanto fosse intesa a ostentare, oltre ad un’impotenza militare del Regno, anche una impotenza marittima. Solo la presenza d’un accordo segreto può spiegare un simulacro di guerra di cui non v’ha forse esempio al mondo. Esser liberi d’ogni movimento, anche nelle giurisdizioni federali germaniche del Tirolo e dell’Istria; avere a fronte un nemico già umiliato e vacillante, ricinto, fin entro le sue montagne, le sue fortezze e le sue navi, da tre milioni di popolo fremente; avere in pugno più di 300.000 soldati; portarne al fuoco, per volontà premeditata, nemmeno la quinta parte; e darsi vinti, come per “disastro irreparabile” è una sì strana prova d’arte militare che non è lecito imputarla a nudo errore. Il Senato non può esigere il rendiconto di Lissa senza esigere il rendiconto di Custoza (…). A Lissa non si vede come a Custoza il proposito sofistico di vincere senza vincere, non si vede l’umile accordo con lo straniero imperioso, il vile accordo col burbero nemico, non si vede il traffico dell’onore col guadagno, la guerra finta eppur sanguinosa che pone per sempre nel cuore del soldato non la fiducia della vittoria, ma il ghiaccio del sospetto. E’ per queste arti indegne che l’Italia aveva perduto a memoria nostra l’onore delle armi” [2]Centocinquant’anni dopo queste parole di Cattaneo, che colgono nel segno tutto l’ operato della guerra dell’’86 e che invitano al rinnovamento morale e culturale del Paese per divenire uno Stato moderno, ci appaiono terribilmente attuali nella nostra terra italica, nella terra dei “gattopardi”, dove tutto sembra che cambi, ma dove non cambia mai nulla.
Giancarlo Ramaccia



[1] S. Sonnino,Diario 1866-1912, Bari, Laterza, 1972, vol I, pag.43

[2] Cattaneo C., Epistolario,  Pag. 425/426, Vol. IV

venerdì 21 aprile 2017

Comprendere la Grande Guerra

ISTITUTO DEL NASTRO AZZURRO
FRA COMBATTENTI DECORATI AL V.M.
Presidenza Nazionale
Centro Studi sul Valore Militare

                                                              INVITO
Giovedì 27 aprile 2017 ore 17
In occasione della Giornata del Decorato che si terrà ad Arezzo il 28-30 aprile 2017
Il Presidente Nazionale Gen. Carlo Maria Magnani
Ha l’onore di  invitare la S.V.
AL V INCONTRO CON L’AUTORE
Tommaso Gramiccia
Che presenterà il Volume
Comprendere la Grande Guerra
Dal Primo al Secondo anno di guerra 1915-1916
Atti del convegno in occasione della Giornata del Decorato
Salò 23-24 aprile 2016
Saranno presenti i Curatori, Massimo Coltrinari  e Giancarlo Ramaccia

ROMA
 Presidenza Nazionale Nastro Azzurro Sala Maggiore
Piazza Galeno 1 . V.le Regina Margherita

centrostudicesvam@istitutonastroazzurro.org


venerdì 24 marzo 2017

La prima Guerra Mondiale

I Volumi che sono stati oggetto della conferenza di ieri presso la Sede sono disponibili per tutti i Soci presso la Presidenza della Sezione.
 chi desidera acquistarli può farlo direttamente alla 
casa editrice
ordini@nuovacultura.it
 o
contattando l'autore alla email
direttore.cesvam@istitutonastroazzurro.org

mercoledì 22 marzo 2017

22 marzo 2017 ore 16,30. Incontro con i Soci


CONFERENZA
 "I PRIMI DUE ANNI DI GUERRA"

L’Italia, l’entrata in guerra ed il tradimento degli Imperi Centrali” 1914-1916

di Massimo Coltrinari






La conferenza ha lo scopo di illustrare gli avvenimenti diplomatico-politici-militari nel  momento della rottura degli equilibri europei a seguito dell’attentato di Sarajevo; saranno illustrate le ripercussioni all’interno della Triplice Alleanza, l’esclusione dell’Italia dalla applicazione della Convenzione militare del marzo 1914, l’attacco alla Francia ed alla Russia, ed alla Serbia. La conseguenza di tutto questo fu la forzata neutralità italiana che acuì un problema strategico generatosi nel 1866 e che fu uno degli argomenti centrali nel problema della difesa del confine orientale.

La III Guerra di indipendenza aveva messo in gravissima difficoltà l’Italia. Al di là della condotta tattica della Guerra, l’Austria aveva preventivamente messo in bilancio di perdere il  Veneto, sia per carenza di forze sia perché il teatro principale era la Prussia, in quanto la pianura veneta non è difendibile se non si ha il possesso o del quadrilatero di fortezze allo sbocco della valle dell’Adige sull’asse Innsbruck – Verona, oppure Trieste, con l’Hermada e la basse valle dell’Isonzo. Altre difese non sono praticabile se non sotto dominio tattico dell’avversario.
Il dibattico svoltosi tra i componenti il vertice militare italiano di fine ottocento su dove occorreva difendersi o sulla linea el Piace o sulla linea dell’Adige durò fra gli strateghi italiani per oltre 40 anni. I Piani di difesa del confine orientale furono redatti dai Capi di Stato Maggiore: dal piano Ricotti Magnani (1873) a Cosenz (1883), da Tancredi Saletta (1904) ad Alberto Pollio (1914) a Luigi Cadorna. Si sono espoti, quindi, questi vari piani in una sintesi espositiva.

Anche per questo l’Italia, in contrasto con la Francia e la Gran Bretagna, non può che aderire alla alleanza con Germania ed Austria nel 1882, una sorta di Alleanza preventiva, quasi di una assicurazione sulla esistenza del giovane stato unitario italiano. La Triplice Alleanza venne rinnovata di cinque anni in cinque anni fino al 1914.

Accanto alla Triplice, venne firmata una Convenzione Militare che fu rinnovata nel marzo 1914, in cui l’Italia era partecipe all’attacco alla Francia, con oltre 150.000 uomini,con previsto anche un attacco alla neutrale Svizzera.

La esclusione da parte della Germania e dell’Austria dell’Italia, al momento della rottura degli equilibri europei nel 1914, in quanto entrambi si ritenevano sufficiente forti per conseguire una vittoria che non volevano dividere con l’Italia. Da qui dalla Triplice alleanza alla neutralità da parte di un Italia che nel 1914, allo scoppio della guerra europa non aveva ne amici ne alleati..

La figura del von Konrand e di parte del consiglio aulico di Vienna che voleva la guerra all’Italia, decisamente ostile all’Italia, èemblematica. Progetti portati a punto per la guerra preventiva nel 1908 ( terremoto di Messina) nel 1912 ( guerra di Libia) con l’intento di rioccupare non solo il Vento ma anche la Lombardia, riaprendo la questione risorgimentale erano nel 1910-1915 all’ordine del giorno a Vienna.

Dal momento della dichiarazione della neutralità, il 2 agosto 1914, l’Italia, come detto, non ha più ne alleati ne amici e si deve inventare tutta una nuova politica estera. Fino agli inzi del 1915 non viene presa nessuna decisione. Poi Sonnino e Salandra, rispettivamente Ministro degli Esteri e Presidente del Consiglio con l’accordo del Re, in contrasto con la maggioranza giolittina, decidono di fare il grande salto con la discussione e la firma del Patto di Londra (febbraio-marzo 1915). In Italia scoppia lo scontro tra la maggioranza neutralista, composta da giolittiani, cattolici e socialisti, ed interventista, repubblicani, sia storici che risorgimentali e nazionalisti, con figure di rilievo come D’Annunzio, Mussolini, Filippo Corridoni. Prevalgono gli interventisti, ma le belle parole non risolvono il problema prinicipale: la impreparazione delle Esercito, depauperato dalla guerra di Libia, e non pronto per una guerra all’Austria.

La dichiarazione di guerra fu prematura e la prima offensiva Cadorna la lancia il 23 giugno 1915, un mese dopo la dichiarazione di guerra.

In tutto questo gli Austriaci, che con i Tedeschi fecero di tutto per tenerci fuori dalla guerra offrendoci ogni cosa meno dandoci l’unica cosa che contava, Trieste, videro aprirsi un nuovo fronte e subito ci accusarono di tradimento.
Ma il vero tradimento fu quello di Berlino e Vienna del 1914, che poi fu mascherato da una campagna di propaganda ignobile che sarebbe ora di contrastare e respingere.
  
I Contenuti della Conferenza,  possono essere approfondi nei volumi qui riprodotti:


Richidibili alla Casa Editrice Nuova Cultura
all’Autore  
(studentiecultori2009@libero.it)






giovedì 23 febbraio 2017

Mercoledi del Nastro Azzurro. 1 marzo 2017 ore 17

ISTITUTO DEL NASTRO AZZURRO

FRA COMBATTENTI DECORATI AL V.M.

(Ente Morale R.D. 31 maggio 1928 n. 1308)
Piazza Galeno, 1 - 00162 ROMA


Federazione Provinciale di Roma 
Roma, 22 febbraio 2017


Comunicato Stampa



Mercoledì 1 marzo 2017
presso la Sala Convegni dell'Istituto del Nastro Azzurro Piazza Galeno,1 – Roma
dalle ore 17,00 alle ore 19,00
si terrà il 6° incontro del 2° ciclo
de "I Mercoledì del Nastro Azzurro"


verranno presentati i volumi
'Caschi Blu Italiani'

'ReportagEsercito'

a cura di 'Informazioni della Difesa'
rivista dello Stato Maggiore della Difesa

Interverranno:
Stefano Pighini, Tommaso Gramiccia, Massimo Coltrinari, Mario Renna, Giuseppe Tarantino.

info:centrostudicesvam@istitutonastroazzurro.org



giovedì 26 gennaio 2017

Immigrazione e Strategie

Immigrazione
I limiti della strategia Minniti 
Bianca Benvenuti
18/01/2017
 più piccolopiù grande
Intensificare i controlli e aumentare la stretta sui migranti irregolari presenti nel territorio italiano. È questo l’obiettivo centrale della nuova strategia del ministro degli Interni Marco Minniti, che ha tra i suoi ingredienti la riapertura di un Centro di identificazione ed espulsione, Cie, per ogni regione e la conclusione di vari accordi di riammissione con i Paesi di origine e di transito.

L’obiettivo è di radoppiare le espulsioni portandole dalle attuali 5mila a 10mila unità. Un programma che ricalca le intenzioni del ministro dell’Interno tedesco Thomas de Maiziere che, in un’intervista al quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung, ha dichiarato di voler aprire centri di deportazione delocalizzati e facilitare la firma di accordi di riammissione anche attraverso un “ammorbidimento” del principio del “paese terzo sicuro” che vieta rimpatri in paesi dove la sicurezza dei migranti è a rischio.

Anno nuovo, strategia nuova? La ricetta di Minniti per contrastare la migrazione irregolare sa più dell’ennesimo tentativo di far funzionare un sistema che ha già in passato dimostrato la sua inefficacia.

La detenzione amministrativa che non funziona
Il ministro Minniti promette una nuova politica sull’immigrazione che abbia come cardine l’aumento delle espulsioni e la diminuzione dei migranti irregolari presenti sul territorio italiano. Insomma, un rilancio della politica dei rimpatri che di nuovo ha poco o nulla. Ingrediente imprescindibile di questa “nuova” strategia, che verrà delineata con più precisione nelle prossime settimane, è la riapertura di un Cie per ogni regione.

I Cie, istituiti nel 1998 dalla legge sull’immigrazione Turco-Napolitano, sono strutture detentive in cui vengono reclusi i cittadini stranieri colpevoli di reati amministrativi, cioè di aver soggiornato irregolarmente nel territorio italiano. Il periodo di detenzione può durare al massimo 18 mesi, periodo nel quale le autorità italiane dovrebbero provvedere alla identificazione e al rimpatrio del migrante nel suo Paese o nel Paese terzo dal quale ha transitato per arrivare in Italia.

Ma il “sistema Cie” non ha mai realmente funzionato. I dati dell’ultimo anno lo dimostrano: a fronte di 30 mila provvedimenti di espulsione firmati, solo 5 mila persone sono state effettivamente rimpatriate. Le difficoltà riguardano l’identificazione dei migranti, spesso sprovvisti di documenti, i costi del rimpatrio, ma soprattutto le resistenze di vari Paesi di provenienza a concedere il nulla osta.

Ne risulta che, dopo mesi di detenzione senza aver commesso un reato, ma solo un illecito amministrativo, il migrante si trovava di nuovo irregolare sul territorio italiano senza possibilità di legalizzare la propria posizione. Né le nuove misure previste da Minniti sembrano tali da ovviare a questi problemi.

Inoltre, l’approccio Cie risulterebbe inadeguato a fronteggiare i numeri di migranti irregolari presenti sul territorio italiano, considerando che si stima la presenza di 70mila solo tra coloro che hanno visto rigettata la propria domanda d’asilo. Molte associazioni hanno anche denunciato condizioni di vita disumane all’interno dei Cie, spesso ribatezzati “moderni lager”.

Accordo Italia-Libia
Il secondo e forse più importante elemento della “strategia-Minniti” è proprio il tentativo di stringere nuovi accordi di riammissione con i Paesi di origine e di transito. Secondo l’Agenzia Onu per i Rifugiati, più dell’80% dei barconi arrivati in Italia nello scorso anno proveniva dalle coste libiche e trasportava per lo più migranti provenienti da altri paesi, transitati attraverso la Libia.

La Libia è un Paese chiave per la gestione dei flussi migratori nel Mediterraneo centrale: per questa ragione il ministro vi si è recato ad inizio anno, per stringere un accordo con il governo di Fayez el-Serraj al fine di fronteggiare il flusso irregolare di migranti e individuare le reti di trafficanti.

L’accordo con la Libia è chiave perché permetterebbe il rimpatrio in quel Paese non solo di migranti di nazionalistà libica, ma soprattutto di cittadini di Paesi terzi, transitati in Libia con i quali l’Italia non ha ancora accordi di riammissione. La vera domanda è se questo accordo funzionerà.

La situazione libica è il primo nodo da sciogliere. Precedenti governi italiani avevano già stretto accordi simili con Tripoli: nell’agosto 2008, l’allora Primo Ministro italiano Silvio Berlusconi aveva sottoscritto con il colonnello Gheddafi un accordo per la collaborazione tra i due Paesi nella lotta alla “immigrazione clandestina”. Con l’inizio della guerra civile e la destituzione di Muammar Gheddafi, presto saltò anche l’accordo tra i due paesi, dando inizio alla cosidetta “emergenza nord-Africa” in Italia.

Oggi, l’interlocutore scelto è l’esecutivo di Fayez al-Serraj, ovvero il governo riconosciuto dalle Nazioni Unite, che ha però il controllo solo di parte del Paese. Vaste aree del sud e della costa sono in mano a jihadisti e altre milizie, mentre il generale Khalifa Haftar mantiene il controllo dell’area di Tobruk e l’ex premier Khalifa Ghewell di Tripoli.

Resta poi aperta la questione delle condizioni di vita dei migranti in Libia; secondo recenti rapporti di Medici Senza Frontiere, i migranti vengono spesso detenuti in condizioni antigeniche e disumane. L’Italia sembra quindi disposta a derogare anche dal principio del Paese terzo sicuro, che ha suscitato tanta opposizione all’accordo Ue-Turchia.

Il fallimento del nuovo accordo con la Libia sarebbe un brutto colpo nella politica di Minniti di rinvigorire la stipula di trattati di riammissione con paesi di origine e di transito. Senza questo tassello, inoltre, anche la creazione dei Cie non avrebbe più senso, perché la reclusione amministrativa è inutile se non si può assicurare il rimpatrio dei migranti reclusi.

Manca ancora, non solo in Italia, ma anche in Europa, la consapevolezza del fatto che l’unico modo per contenere i flussi irregolari di migranti è l’apertura di canali migratori legali e di passaggi sicuri per chi cerca protezione.

Bianca Benvenuti è stata visiting researcher, Istanbul Policy Centre (IPC). Durante il suo periodo di ricerca presso lo IAI, si è occupata di relazioni Ue-Turchia e di crisi migratorie.
 
Invia ad un amico - Stampa 
   ShareThis
Vedi anche
Italia, l’accordo con la Libia non decolla, Enza Roberta Petrillo
La ricollocazione non decolla … e c’è chi torna indietro, Bianca Benvenuti

Temi
ImmigrazioneItalia

Politica estera
italiana
Unione
europea
Sicurezza, difesa
terrorismo
Mediterraneo e
Medio Oriente
Economia
internazionale
Est Europa e
Balcani
Usa e rapporti
transatlantici
Africa
Istituzioni
internazionali
Asia
Energia e
ambiente
America
Latina
Gli articoli più letti